In questo articolo introdurremo l’affascinante tematica dei dispositivi sensoriali all’interno degli , esplicitando i casi d’uso e le applicazioni tipiche. Inoltre vedremo come interfacciarvisi tramite API nativa di Windows (in C++).

I sensori

Esistono vari tipi di sensori che le case produttrici includono oggi nei dispositivi. Ora parliamo di Ultrabook ma sono altrettanto comuni oggi alcuni smartphones che non nascondono la loro nativa predisposizione ad applicazioni sensor-based. Un esempio tipico è ormai quel sensore che permette al telefono di ruotare l’interfaccia utente al momento in cui ne ruotiamo la scocca, l’accelerometro.

La prima cosa da fare per poter lavorare con i sensori, su un Ultrabook, è verificarne l’effettivo stato di funzionamento ed impararne i parametri tipici. È infatti importante sapere che un valore tipico di un sensore “Compass” può variare tra 0 e 359, cosa quanto più indispensabile quando, a questi dati, dobbiamo dare un valore nella nostra applicazione.

Accelerometro

L’accelerometro stabilisce, in ogni istante, a quanta accelerazione è sottoposto il dispositivo lungo le tre assi di riferimento (Y,X,Z). Per stabilire su quali assi sia stato calibrato il sensore, occorre fare uso del “Sensor Diagnostic Tool” disponibile con il Windows SDK. Si tratta di uno strumento di troubleshooting che fa utilizzo della Sensor & Location API di Windows 7 e superiori.

server Genova

creazione app Genova

voip Genova

creazione siti genova

piattaforme ecommerce genova

posizionamento genova